Notte di Natale

Di tutte le notti che abbiamo nella vita quella di Natale puo’ essere la piu’ triste in assoluto.

Mi vengono in mente i genitori di una ragazza, una campionessa, bella, sana, gentile e piena di entusiasmo e sogni di gloria. Facile preda delle attenzioni di qualcuno che gode dei frutti della gioventu’ come elisir di lunga vita.  E si era data con tutto cio’ che aveva dentro di piu’ bello. Cosa avra’ provato all’impatto? perche’ proprio quel ponte di Fatih Sultan Mehmet? o un ponte vale l’altro quando si ammazza una ragazza per simulare un suicidio? Qualcuno l’ha pensato.

Natalia Viganò, ex compagna di squadra a Busto, oggi schiacciatrice dell’Asystel, dice:

«Non ci credo. Non può averlo fatto. Forse è caduta, forse l’hanno assalita per rapinarla, forse l’hanno spinta. Ma Giulia di certo non si è buttata: quest’estate aveva chiesto di partecipare a un torneo di beach con l’Asystel». Era già stata a Istanbul, e forse nel precedente viaggio aveva conosciuto qualcuno. Quegli occhi azzurri che continuano a fissarci dall’albo della Lega purtroppo non chiariscono il mistero. Ma sono luminosi, senza le ombre di Istanbul.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...