elezioni politiche italiane 2013

Ammetto che non seguo piu’ fervidamente la politica in ogni suo dettaglio, come quando ero completamente immersa, anima e corpo, ad inventare idee e proposte sentendo molto il mio ruolo di attivista e presidente del circolo di AN a Sydney.
Impossibile pero’ starne alla larga.
Settembre scorso a Roma, Atreju. Ascolto finalmente Giannino dal vivo e gli chiedo poi di intervistarlo. Perplessa, confido ad un amico il mio dubbio ‘ma che ne capisce di economia?’ Certo sono suonata molto arrogante, in fondo l’ho studiata solo fino alla specializzazione mentre lui era un potenziale Ministro dell’Economia.
Fortuna qualcuno ha controllato le credenziali di qualifiche accademiche… mi dicono che ha pianto, forse perche’ ci si era dovuto sposare per candidarsi!?! Mi spaventa pero’ un fatto, la relativita’ della scienza economica. Possibile che potesse accedere alla TV con i suoi interventi senza che nessuno si rendesse conto che le raffiche di cifre che sparava e i vestiti insoliti che indossava potevano forse intimorire l’audience ma non bastavano a supportare le sue convinzioni con una solida base di teoria economica?
Whatever! non e’ la sola sorpresa avuta in questa campagna elettorale. Impossibile digerire i candidati della IV Ripartizione. Fuori schema, fuori combattimento, confusi o molto improparati. Epico il panico di fronte alla domanda: ci spieghi i principali punti del suo programma… tonfo della linea telefonica! o gli strafalcioni sulla tematica piu’ cara agli italiani emigrati: riacquisto della cittadinanza: mai sentite tante assurdita’ in materia e nessuna preparazione giuridica. Nemmeno alla Giannino!!!
l’aspetto piu’ consolatorio? torniamo in Italia: Grillo viscerale con le sue piazze.
Riporta alla ribalta il passaparola o word of mouth, il piu’ efficace mezzo di promozione mai esistito per propagare un messaggio sociale e, a maggior ragione, elettorale. Sfida il mezzo televisivo e viene premiato. Come volevasi dimostrare! belli i comizi dei veri politici di una volta. Se non sei in grado di salire su un palco e confrontarti con la folla, non sei un politico, sei un pupazzetto di cera modellato per l’occasione, devi attenerti a quelle 4 lines, battute, e non ripeti altro. Guai usciere fuori dalle indicazioni del Grande Regista. Non c’e’ liberta’ di ‘sentire’ il fuoco politico.
Sto aspettando di sentire i lamenti dei grandi manovratori, quelli che pensavano di competere con Alpi ed Appennini sostituendoli con Monti per l’Italia.
La natura ha imperversato. Schizzi di sudore di Grillo anche in pieno inverno, ma il peggio e’ l’uso dei rassicuranti cani da foto che sgualciscono ed impuzzolentiscono i vestiti strafirmati, costo occhio della testa! fara’ pure ‘family warmth’ ma non fa certamente miracoli. Anzi direi piuttosto effetto boomerang. Che cavolo di messaggio sara’ mai quello di apparire in campagna elettorale diverso da come sono stati abituati a conoscerti fino ad allora? equivale a appiccicarsi addosso un etichetta: manipolatore demagogico.
Chi invece ci ha abituato ai miracoli da ventanni e’ il mitico showman, attaccato da tutte le parti, continuamente, lanciandogli ogni salsa e… niente da fare! lui in fatto di comunicazione e’ enfatico, esagerato, cinematico, travolgente: imbattibile! Aveva un solo possibile rivale: Matteo Renzi.  Il ragazzotto che ama il lusso e la bella vita come il Cavaliere e che ci si e’ talmente divertito da sindaco di Firenze che l’hanno punito. E si sono dati la zappa sui piedi: quindi ora tenetevi Berlusconi, che se l’e’ guadagnata, punto.

Pensate adesso lo scenario parlamentare: tutta da ridere! Grillo a braccetto con Di Pietro? e gia’ …l’hanno rieletto? e i Fratelli d’Italia, hanno spiccato il volo sulle ali dorate?  i sinistri, tristissimissimi anche in questa vittoria per mancanza di concorrenti, pur essendo tutti appaiati si accollano l’onere di provare ad escogitare una formula di governo che potra’ funzionare solo se una coscetta di Grillo si lascera’ addentare…
Ma santo cielo! che bene potra’ venire fuori da questi personaggi?  Non ho visto nessuna donna agguerrita su un palco e, tuttavia, Dio solo sa se la determinazione e la grinta femminile siano necessarie. Ma vi prego: non voglio piu’ sentir nominare la Santanche’.

Quante donne elette in tutto?

Che altro dire?
Aspetto i commenti del Berlusca. Secondo me, ha un’intera squadra pronta, con uno script di governo tratto dal manuale delle Giovani Marmotte. So solo che c’e’ uno strano pudore di riservatezza sui media internazionali oggi rispetto ai ghigni che avevano fino a ieri…

4 thoughts on “elezioni politiche italiane 2013

  1. Have you ever thought about including a little bit more than just
    your articles? I mean, what you say is fundamental and everything.
    However think of if you added some great visuals or videos to give your posts more, “pop”!

    Your content is excellent but with images and video clips,
    this site could certainly be one of the most beneficial in its field.

    Fantastic blog!

    Mi piace

  2. I like the valuable information you provide in your articles.
    I’ll bookmark your blog and check again here regularly. I’m quite certain I will
    learn a lot of new stuff right here! Best of luck for the next!

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...