ora che ci sei

dopo aver vagato su questa terra per tre anni senza meta

sembro toccare il luogo piu’ bello mai immaginato da antica fantasia

colori brillanti e gioiosi, i fiori che accarezzano dolcemente la montagna e le onde dissetano a guardarle!

amore ti ho ritrovato al fine, felice come mai volo

in alto, di qua, di la’, come nell’acqua primordiale un pesciolino

la magia,  dei poteri che la natura mi ha concesso

riabbraccia il cosmo e sono tua

adoro le tue mani, la pelle liscia e morbida

sono mani piccole, egoiste e nervose

ordinate e agitate, come tutte le volte che ci siamo detti addio

le ritroverei ovunque, come nel conoscerti

restavo in disparte a seguirle con lo sguardo

attenta e accesa a cosa facevi con le dita

quale calligrafia solcava i sentieri dei tuoi pensieri

tu, temporale passeggero incastrato nel cielo

poi per sciocchezza camminare la’ dove erano passate le nostre orme

senza spuma quella scia, senza risacca

la voce tua soltanto a ripetere il mio nome nella mente

infrange tutte le rocce del giardino

svanito ovunque, come mai esistito, trasformando il mondo intero in te

ribellione pura, la giostra panoramica sorvola la citta’

la rugiada sulle labbra e le gambe muscolose

posso ora in questo mio presente perdermi nel sogno

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...